#BadenBaden. Le classifiche del FRÜHJAHRSMEETING 2018.

a cura di Giorgio Bergamaschi

Classifica Baden Baden.jpg

Maia: Merano apre a giugno e nel terzo convegno offre due “deb” in siepi – Torna la Tris.

image001.png

Nella foto la pista di Maia vista dall’alto

di Giorgio Bergamaschi

Maia risplende sotto il sole e per il primo cartellone di giugno propone due “urrah” molto attesi: una poule per debuttanti in siepi di 3 anni, un’altra invece per 4 anni ed oltre indirizzati anch’essi alla nuova specialità. Un debutto in siepi è sempre un momento di grande interesse, perché è l’avvio verso una nuova specialità, quella delle siepi e non già degli ostacoli… Con una decorosa preparazione, un cavallo che sa misurare da lontano senza perdere velocità ed ha occhio sufficiente per valutare la barriera verde così invitante da poter quasi essere “galoppata” dentro le piante di tuja, riesce subito ad ambientarsi sulle siepi: che sono nulla più di un” intervallo verde”, distribuito regolarmente lungo un tracciato in circolare oppure in otto. Insomma, una corsa in piano con la medesima tipologia di barriera bassa e verde, contenuta in cassonetti… Altra cosa è lo steeple, in cui le siepi costituiscono perlopiù la prima barriera, ma dopo ecco sieponcini e sieponi, muri e brook, riviere e fence, doppi travoni, fino alla siepe secca finale.

Giovani e anziani.

Il Premio Prime Siepi ha spesso innalzato agli altari soggetti davvero facoltosi. Questo convegno meranese del 3 giugno. Subito, va detto della “dicotomia” annunciata: quella che si perpetua da qualche anno tra Favero e Romano, dopo l’interruzione della loro partnership in quanto Romano non è più solo jockey ma anche allenatore. Sicché, Favero ed il Boemo Jo Bartos da un lato, Raffaele Romano in doppia veste dall’altro… Ovvero, Imperial Red versus Jackson.

Ma non sarà tutto lì, perché finalmente rivediamo all’opera il team del “Mastino” il sapiente Franco Contu che sinora è stato solo a guardare ma finalmente lancia nell’agone Alanui, guardando di sottecchi all’invader Saint Sanka, “lama” prescelta di Jozef Vana, che punta ad un’interessante stagione a Maia con questo ex transalpino. Non manca ovviamente Greg Wroblewski con Jurata, ed ancora ecco l’inserimento di un’altra locale, Zubiena: due femmine queste ultime giudicate interessanti (ed è cosa nota che, molto spesso, le femmine sono molto più precoci dei maschi, nell’apprendere il nuovo mestiere…).

Tra gli anziani che calcheranno per la prima volta la pista in “otto” di Maia, guardiamo subito al portacolori di Jirj Charvat che a Maia ha sempre portato soggetti notevoli (ricordate l’elegante e facoltoso Royal Muighins?), e con questa nuova punta che ha affidato a Pavel Tuma cercherà di ribadire gli allori ormai lontani per la sua giubba blu/oro. Si dice bene di un siepista locale, Strenkranz, ma con riguardo e rispetto si accordano chances anche a Wootyhoot. Con ruolo di comprimari (ma la pista potrebbe ribaltare l’impressione…) ecco quindi il meranese McEnroe, oltre a Tialinee e Karim.
Nel convegno, ancora una corsa in siepi cui s’affaccia Marywil che vanta profilo di qualità, ed intende farlo valere (per la gioia di Aichner e la fiducia del trainer Vana) con autorità a Desertmore Hill assai gravato e con lui anche Desperados.

Amatori e amazzoni

Nel convegno, anche un cross per amatori, con lo smaliziato Kitano, Lost Monarch, Monte Pelmo, Vanessa del Cardo e Marital, ad animare una scena che s’annuncia assai piacevole e soprattutto movimentata.

Il convegno s’apre con una tenzone in piano riservata alle amazzoni (da seguire il ceko Bonis), e delle altre due prove riservate ai “puri” vanta maggiore attenzione la Tris Straordinaria posta in coda al convegno, che ha raccolto 15 soggetti e annuncia una soluzione enigmatica, che presenta più di qualche profilo… Una corsa enigma, ma soprattutto una “corsa-charmant” che promette di riempire qualche tasca in conclusione di un convegno vario che, sin dalla dichiarazione dei partenti, sussurra emozioni e promette grande spettacolo.

Aste #BadenBaden: top price a 55.000.

image001 (2).jpg

Il momento dell’aggiudicazione del top price a Baden nel pomeriggio di venerdì

Maxios, nell'allungo durante iul breeze up di venerdì mattina.jpg

Nella foto la figlia di Maxios, nell’allungo durante le breeze up di venerdì mattina

 

 

Derby Trial con i Favoriti del #Derbytedesco.

di GIORGIO BERGAMASCHI

Baden Baden – questa domenica l’ippodromo di Iffezheim conclude la prima delle sue tre stagioni, mandando in scena una sorta di fuoco d’artificio che consegnerà alla storia dell’ippica tedesca qualche altro capitolo di pregio. Due le corse di gruppo in cartellone: come clou, la 45ma edizione del Grosser Preis derBadischenWirtschaft, e di spalla l’Ittlingen Derby Trial (e due interessanti quarté nonché la prima nursery dell’anno, riservata alla generazione 2016. In cartellone, complessivamente, sono previste nove contese.

Al 45° Grosser Preis der Badischen Wirtschafts, Gr. 2 per anziani sugli 11 furlong, dotato di 70.000 Euro, siamo davanti ad un Grand Prix che rientra nel novero della German Racing Champions League , una delle migliori 11 corse del calendario tedesco, cui guardano tanto Guignol (2017) che Iquitos (2016), mattatori delle due precedenti edizion, che si scontreranno a muso duro fin sul traguardo della pattern. Entrambi, però, dovranno fare i conti con altri primattori in pattern, che hanno aderito al confronto.

La scorsa edizione come detto è stata appannaggio di Guignol, espressione del training di Jean Pierre Carvalho proprio davanti ad Iquitos (Hans-Jürgen Gröschel), che si era imposto 12 mesi prima… Ma questa domenica sarà dura per entrambi, perché tra gli sfidanti si profila Oriental Eagle, vincitore a maggio del Gerling Preis (Gr. II), polverizzando il record precedente che durava da anni. Ed al via saranno Colomano (Markus Klug) e Walsingham (Waldemar Hickst), anch’essi tra i protagonisti del Gerling. Ma ci sono anche anche Khan (Henk Grewe) e Matchwinner (Marian Falk Weißmeier), entrambi con ruolo di outsider, per quanto lo scorso anno Khan abbia saputo ascriversi due pattern.

Da questa edizione, tanto Baden Racing quanto i partner che sostengono promozionalmente la 45ma edizione del Grosser Preis der Badischen Wirtschaft sostengono la Fondazione RTL „Noi per i bambini“, che in più occasioni nell’annata è chiamata a staccare assegni importanti „per combattere la povertà infantile in Germania“. E proprio ad inizio convegno ci sarà un’altra presentazione ufficiale dell’iniziativa, a cura della moderatrice televisiva (nonché madrina della fondazione) Angela Finger.

Derby Trial con i Favoriti del Derby

Il sottoclou del convegno è offerto da un significativo appuntamento per 3 anni, che si daranno battaglia sui 2.000 metri dell’Ittlingen Derby Trial (Gr. 3, 55.000 euro a traguardo), soponsoriozzato da Manfred Ostermann (noto allevatore proprietario salito agli onori delle cronache del turf internazionale soprattutto grazie a Lando) che vedrà al via 7 concorrenti, tra i quali Royal Youmzain e Chimney Rock, gli attuali primi due favoriti del Derby di Amburgo che si disputerà la prima domenica di luglio all’Horner Moor. Sarà uno sparring decisamente serio, ma anche tutto… familiare, in quanto entrambi i favoriti rappresentano il training di Andreas Wöhler, l’Omino di Brema che nel 2011 proprio a Baden Baden con Waldpark aveva vinto il prologo importante, per poi fare bis sul traguardo di Amburgo nel Nastro Azzurro tedesco.

Sul convegno conclusivo del Frühjahrs meeting resta ancora da dire dell’impegno per la new generation, offerta dal BBAG Badener Jugendpreis, sui 1000 metri. Come detto sopra, si tratta della prima corsa tedesca dell’anno riservata ai due anni.

 

1-#BADENRACING: „Millowitsch“ conquista la SILBERNEN PEITSCHE piegando lo sfortunato Schäng.

Millo_Schang.jpg

Nella foto Millowitsch vince il Preis der Annette Hellwig Stiftung

di GIORGIO BERGAMASCHI

Baden Baden.  Da questo pomeriggio, il titolo di miglior flyer tedesco (almeno fino alla disputa della Goldene Peitsche, nel settembre di Baden) spetta di diritto a Millowitsch (offerto a 44/10), allenato da Markus Klug e capace di volare sui 1200 metri della retta di Iffezheim e conquistare il prestigioso alloro del Preis der Annette Hellwig Stiftung – Silberne Peitsche (Frusta d’Argento, ndr). Questo velocista ha fatto suo il Gr. III, garantendo alla proprietaria Alexandra Renz la prima vittoria importante a Baden Baden. Della dotazione complessiva di 55.000 Euro, alla dottoressa Renz Millowitsch ne ha garantiti ben 32.000. Vale la pena di ricordare che il singolare nome di questo soggetto viene da quello del famoso cantante pop di Colonia Willy Millowitsch. Più versato ai 1400 su fondo morbido, oggi il pupillo di Klug ha dapprima contratto la potente azaione sul terreno scorrevole, per poi allungare e fare un numero giocando con Schäng che nel rush si raggiungeva e perdeva un ferro, dopo aver anticipato Scapina (vittima di una partenza infelice) , infine terza a traguardo.

Mascha si afferma nelle KRONIMUS DIANA-TRIAL

Il primo appuntamento di rilievo del penultimo convegno di Baden era dato dalle Kronimus Diana-Trial, una listed da 25.000 Euro sui 1.800m (sostanzialmente prova paritetica dell’Ittlingen Derby Trial di domani) per femmine di 3 anni Nessun problema per Mascha (44:10), che ha concluso in promenade per 3 lunghezze, mai insidiata dalle avversarie dirette Dina ed Area. Venendo comodamente dalle retrovie, con un paio di cambi d’azione di bella fattura Mascha in retta ha iniziato a planare sull’avanguardia, secondo un cliché molto caro al suo trainer, l’ex grande fantino viennese (d’origine magiara) Andreas Suborics, che l’ha costruita find alla doma e di cui è comproprietario assieme ad aklcuni amici di sempre: „Ora, per Maschia il prossimo appuntamento sarà all’Horner Moor di Amburgo, nel corso del Derby Meeting ad inizio luglio“. Così „Subi“ sulle prospettive gettate a caldo, prim’ancora di tornare al dissellaggio. Dal canto suo, il jockey Alexander Pietsch ha candidamente affermato che „mi sono limitato a mettere in musica lo spartito scritto da Subi e tutto è stato semplicemente… scontato. E‘ davvero un‘eccellente cavalla“.

Vittoria casalinga nel NachwuchsFőrderPreis – Mehl-Mühlens-Stiftung sui 1500, in cui il castrone Thymian (123:10),montato dalla 25enne francese Sophie Chuette (monta al mattino per Carina Fey, a Chantilly) pilotava a traguardo l’allievo di Manfred Weber e di sua figlia Berit. Nella prova per GR, lo Sport Welt Amateur-Trophy sui 2.400m, ha vinto Andrea Schneider, in sella al castrone Laurin, allenato da Bettina Mühlbauer. auf dem von Bettina Mühlbauer vorbereiteten Wallach Laurin.

 

 

#BadenBaden 1o giorno: oltre 5000 paganti.

Kinetic Cross.jpg

Nella foto Kinetic Cross a sx, vince il premio di apertura della stagione di Baden Baden

di Giorgio Bergamaschi

#BadenBaden – Ad #Iffezheim, secondo la ricetta del Board di Baden Racing, guidato da #AndreasJacobs, il convegno primaverile sta vivendo su un poker di giornate (30 e 31 maggio; 2 e 3 giugno) con il giro di boa di ieri, venerdì primo giugno, imperniato come tradizione vuole sull’asta di purosangue.

La vernice Nel pomeriggio inaugurale del #Früjahrsmeeting, gli spettatori paganti sono stati „solo“ 5.350, con il castrone di 5 anni Lord Roderick capace di assegnarsi la condizionata sul miglio, intestata al Freundeskreis Trophy (22.500 €). Il portacolori dello Stall Wo, che in realtà è un flyer fatto e finito, dopo una pausa agonistica piuttosto lunga ha sorpreso un po‘ tutti, ma non la sua trainer Sarah Steinberg: „Ero certa che allungandogli la distanza avremmo potuto raccogliere qualcosa di buono… Ed infatti, dopo questo „saggio“, insieme ai proprietari abbiamo deciso di mantenerlo sui 1600. Proprio in quest’ottica ho modificato il training del Lord“. Concetto ribadito anche dal jockey René Piechulek: „Il 5 anni ha perso un po‘ di quell‘esplosività, che ne aveva consigliato sin qui l’impiego tra i velocisti. Ora, questo rientro mi sembra bene augurante, soprattutto alla luce di come ha disposto di Clear For Take Off, il runner up capace di precedere Beau Reve“.

Il convegno s’era aperto con il successo del 4 anni Kinetic Cross, il favorito allievo del bavarese Werner Glanz (offerto a 27/10), montato dall’Olandese volante Adrie De Vries. Sorpresa invece sul traguardo del Preis der Parkwache, in cui la 9 anni Modina, estrema outsider, ha scherzato con gli avversari vincendo alla bella quota di 108/10, giocando il favorito Boy Charlton, salvatosi dal serrate di Tindorette.

Da registrare, in questo convegno inaugurale, le due vittorie del leading-jockey germanico #AndraschStarke. Il movimento delle scommesse è stato di 272.689 euro, di cui il 35% puntato dall’estero, con una media per corsa di 34.086 euro. Nulla di eclatante per Baden Baden, d’accordo, ma era la prima giornata ed il dato ha soddisfatto il presidente Andreas Jacobs ed il suo entourage.

40° Badener Meile

Il giovedì  con il „faro“ dato dal 40° Badener Meile. Se il prologo era stato beneaugurante, la replica appagante. Perché nel convegno dedicato alle famiglie, sono stati ben 13.500 gli animatori della “Mecca del galoppo tedesco“, che sembra avviata a siglare nuovi record già in questo #Frühjahrsmeeting che nel secondo convegno in un pomeriggio caldo e assolato ha visto trionfare il favorito  Stormy Antarctic (21:10), l’ospite più accreditato del 40° Badener Meile.  Nessun pensiero per questo sauro robusto/solido, molto equilibrato, che ci ha messo poco più di un amen per liberarsi del vincitore della scorsa edizione, Palace Prince. Dopo la corsa, il trainer Ed Walker ha affermato che „Abbiamo bisogno di una vittoria importante: già a tre anni il sauro ha vinto un premio facoltoso in Inghilterra, ma ora questa vittoria ci ha aperto nuove prospettive… Anche perché prima d’ora non ero mai stato in Germania“. Così il jockey di Stormy, il nord irlandese Pat Cosgrave: “Srormy Antartic è un soggetto duro, sia per „metterlo in corsa“ sia da acchiappare quando passa in avanti… E la lunghezza e mezza con cui ha disposto del diretto inseguitore lo testimonia, perché più quello cercava di avvicinarsi, più Stormy si staccava da lui“.

Alicante vince la Listed e convince, correndo all‘attesa

Il sotto clou della seconda giornata, la Listed Preis der Baden-Badener Hotellerie & Gastronomie sui2.200m ha visto una mezza dozzina di soggetti entrare in retta d’arrivo praticamente su di una linea,  ma nel rush Alicante  nell’insolito ruolo di estremo attendista (difende il celeste-rosso-oro del #GestütRöttgen), s’è aperto in un volo impressionante e dalle estreme retrovie ha risalito infinite posizioni metro dopo metro, piombando in prossimità del traguardo sul Fabre Palombe (colori quelli di Casa #Rotschild), che riusciva a mantenere il secondo posto sulla svizzera Sweet Soul Music. Il successo di Alicante è stata un’altra invenzione tattica“ di Adrie De Vries, in virtù della quale ha garantito agli scommettitori la quota di 152/10. Così De Vries al pesage, nel dopocorsa: „Sembra incredibile, ma quest’anno riesco a far volare soggetti inattesi“, mentre il trainer Markus Klug annuiva sorridente e felice, aggiungendo che „La tattica d’attesa non era stata preventivata, e bene ha fatto l’Olandese Volante a stare fuori dalla bagarre, per sparare quel gran finalone“.

ASTA del VENERDI –   Risultati in crescita per l’asta di Primavera della #BadenBadenerAuktionsGesellschaft

Ad Iffezheim parlavano di premesse incoraggianti per l’asta di primavera, ma ieri sera i volti dei responsabili della BBAG erano veramente radiosi. Sotto il martello del banditore sono passati soggetti forti di iscrizioni nelle più prestigiose corse riferite alle aste di purosangue tedesche ed alcuni di questi erano già sotto tiro da qualche tempo, da parte dei compratori più attenti.
Parallelamente all’edizione dello scorso anno, il prezzo mediano attestato sui 10.000 euro ha portato ad un volume totale di 522.700 euro, con una crescita del 26,5% 52 soggetti che hanno trovato acquirente sui 77 iscritti.

Così #CarolaOrtlieb, la direttrice della BBAG: “Mediante l’importante sostegno da parte degli allevatori che hanno presentato i 77 protagonisti dell’asta, abbiamo potuto non solo mantenere ma anche incrementare il profilo e la qualità di questa sessione bellamente “internazionale”, con un interessante portafoglio di acquirenti stranieri venuti qui, in riva all’Oos animando un mercato davvero già di per sé vivace”.

In sostanza, i puledri di 2 anni come al solito hanno animato un piacevole breeze up, che ha dato modo di apprezzare soggetti assolutamente di bello spessore. Il top-price è stato spuntato con 55.000 euro dal N° 22, una femmina da Maxios presentata da Philip Prevost Baratte, fortemente voluta da Stuart Bowman (Blandford Bloodstock). Questa puledra nel breeze up del mattino aveva letteralmente rubato l’occhio ed era stata acquistata da Prevost al Fährhof di Casa Jacobs a Sottrum, poco sotto Brema.

Secondo prezzo dell’asta quello spuntato da un maschio da Camelot presentato dall’ Huggan Bloodstock e acquistato per 49.000 € dalla RB Agency per un nuovo proprietario. Quindi, ecco

#AndreasLöwe accaparrarsi Burning Rose, presentata dallo Stall Moorbock. All’asta figurava iscritto anche Degas, un bel sauro del Gestüt Rőttgen, che nel Badener Meile di giovedì è arrivato quarto (non discosto) dal vincitore inglese Stormy Antarctic .

La prossima asta della BBAG avrà luogo il 31 agosto, in occasione della Grosse Woche.

Baden Baden .jpg

Nella foto, Baden Baden una grande festa per le famiglie

 

 

 

 

 

 

#BADENBADEN, UNA GRANDE STAGIONE AL VIA

di GIORGIO BERGAMASCHI

Ua grande tradizione che si rinnova in una Germania dove l’#ippica ha un grande valore

Sono ormai trascorsi 10 anni dal Giubileo (150 anni di vita) di Baden Baden, che oggii ad Iffezheim lancia il suo Meeting di Primavera inaugurando la prima delle tre stagioni ippiche del 160° anno di vita della “Mecca” del galoppo tedesco . Gli imponenti cancelli dello splendido complesso del Baden Württemberg come sempre nelle giornate di corse si apriranno prestissimo, ed i turisti dagli hotel del centro termale pedaleranno in bicicletta fino all’ippodromo, per assistere ai lavori e quindi far colazione a caffè, tartine e champagne, prima di pedalare (in leggera salita) per il ritorno alla città che ricorda Merano, con il suo fiume (l’Oos) che l’attraversa come lassù fa il Passirio.

Cavalli, corse e tradizioni

La prova di centro del convegno è il #FreundeskreisTrophy (6. Corsa, ore 20), una buona condizionata sui 1600 con presenze internazionali al via, tra cui Divisional e Kool And The Gang, ospiti provenienti dai Paesi Bassi e dalla Repubblica Cèca. In un handicap di massimo livello ecco poi Cassilero e Lord Roderick, due specialisti della velocità pura, con presenze locali date dal Geisler Porsenna (già piazzato di gruppo) ed altri flyer in bella evidenza. Ma la giornata odierna è solo il prologo al meetyng, e difatti ad Iffezheim giovedì si inizierà a fare sul serio, con la prima corsa di gruppo, il Badener Meile (Gr. II m. 1600miglio, 70.000 euro), in cui si presenta il detentore del titolo, quel Palace Prince allenato da Jean-Pierre Carvalho, che dovrà vedersela con 11 avversari, tra cui Wonnenmond che ha già siglato due gruppi. Quindi, la coppia di Rulec, costituita da Grants Pass e Be My Sheriff, mentre Carmen Boksaj schiera Folie.

Premio Baden-Badener Hotellerie & Gastronomie

Nel convegno, figura anche il Premio Baden-Badener Hotellerie & Gastronomie , listed sugli 11 furlong per femmine di 4 anni ed oltre, in cui Lennart Hammer Hansen schiera Gambia Bird ed Erika, opposte a Diana Storm per il training di Waldemar Hickst ed alla Suborics Son Macia, pure questa (come l’allieva di Hickst) soggetto da patttern. L’occasione vale anche la trasferta della francese Palombe, una Rotschild che André Fabre schiera nella listed (cui va ovviamente il ruolo di favorita) con Pierre-Charles Boudot in sella.

Schermata 2018-05-30 alle 10.14.50.pngSchermata 2018-05-30 alle 10.14.33.png

 

Pietro Mascheroni presenta a #PiazzadiSiena la nuova #selladaequitazione

Pietro #Mascheroni, una ne fa e cento ne pensa. Dopo essere diventato il maggiore brand del mondo dell’#equitazione, ora si è messo a produrre in proprio un manufatto simbolo del settore, la selladaequitazione. L’ha presentata con successo sabato scorso durante le giornate di #PiazzadiSiena.

SELLA CONTACT MASCHERONI

La nuova #SELLACONTACTMASCHERONI è progettata per il salto ostacoli. Fornisce al cavaliere e all’amazzone ottima sensazione di contatto, libertà di movimento e al tempo stesso grande equilibrio, garantendo un centro di gravità perfetto in base al proprio riding-style. La Nuova Sella Contact Mascheroni è realizzata con materiali e pellami di altissima qualità. Per il cavaliere, la nuova #SELLACONTACTMASCHERONI allinea correttamente il bacino del cavaliere concentrando gli spostamenti nel centro di gravità. La sensazione di contatto ravvicinato consente al cavaliere o all’amazzone di avere azioni più precise. Il contatto è impareggiabile. I materiali impiegati sono solo vitello naturale, di prima scelta, conciato in botte, solo cuoio pregiato in concia vegetale. Tutto per le selle e gli accessori #MASCHERONISELLERIA è attentamente e scrupolosamente selezionato. Per il comfort del cavallo i larghi cuscini della nuova SELLA MASCHERONI sono concavi e integrati per una migliore distribuzione del peso del cavaliere lungo il dorso del cavallo. L’apertura della sella attorno alle spalle del cavallo rende completamente liberi i suoi movimenti. Anche in questo aspetto la nuova SELLA MASCHERONI è concepita per distribuire uniformemente il peso del cavaliere sul cavallo. Lo stesso per quanto riguarda l’inforcatura: il contatto perfetto è possibile grazie al taglio “intelligente” del quartiere della sella attorno all’attacco dell’arcione.

#MASCHERONISELLERIA, Via Piola 15 – 20833 GIUSSANO | MB | MILANO – web: WWW.MASCHERONISELLERIA.COM
Uff. Stampa Melissa Colombo cell +39 3472521631 email: marketing@mascheronistore.it

Benefici:
 Stretto contatto con il cavallo;
 Riscontri a tre punti di ancoraggio;
 Libera completamente la spalla del cavallo;
 Realizzata in pelle di vitello e pelle pieno fiore;
 Distribuzione uniforme del peso sulla schiena del cavallo.

La Nuova #SELLAMASCHERONI è disponibile in due configurazioni del seggio:
FLAT SEAT con SEGGIO PIATTO o HALF DEEP SEAT con SEGGIO MEDIO PROFONDO
Disponibile in cuoio normale oppure doppiata, color tabacco e nero. _DSC8975.jpg_DSC0600.jpg